finale ,

Intervista a Lorenzo Satta, vincitore di Sanremo Newtalent Summer 2019

07:02 Direzione 0 Comments


Emozione dopo emozione, Lorenzo, 15 anni, vincitore assoluto di Sanremo Newtalent Summer 2019 si lascia andare alle prime confidenze, durante la preparazione del primo singolo inedito.

Lorenzo, come ti sei sentito ad esibirti davanti ad una giuria così importante?
E’ stata una grande emozione. Si è sempre emozionati per un’esibizione ma sapere di essere valutati da professionisti di grande competenza amplifica ogni sensazione. Se poi consideriamo che per me era la prima volta che mi esibivo davanti ad una giuria così importante, si può capire meglio perché alla fine sono arrivate quelle lacrime liberatorie quando è stato fatto il mio nome come vincitore..

Cosa pensi abbia colpito di te? 
Credo di esser riuscito a trasmettere quello che provavo in quei momenti.

Cosa hai provato nel sapere di essere tu il vincitore? 
Una sensazione indescrivibile. Un misto di gioia, soddisfazione… Non mi sembrava vero che quello che era stato appena fatto da Gianluca Nasi fosse proprio il mio nome.

Come ti sei appassionato alla musica?
Quando avevo sei anni i miei genitori mi regalarono una piccola chitarra e mio padre mi ha insegnato i primi accordi. E da lì ho cominciato a cantare.

Sappiamo che stai scrivendo un inedito, di cosa parla?
Al momento non c’è ancora niente di definito perché sto lavorando su diverse possibilità. Il riferimento è comunque alle mie esperienze personali che, nonostante la mia età, sono significative. Grazie al Patron Devis Paganelli, ho avuto il privilegio di essere ingaggiato per la realizzazione del mio primo singolo, al Groovestudio, un magnifico studio di registrazione di Terni con Paolo Paolini. Presenterò il brano proprio a Casa Sanremo.



Quali sono le tue aspettative future?
Il mio sogno è diventare un musicista professionista che fa della sua passione un lavoro.

Con chi ti piacerebbe collaborare?
Sono molto giovane ed ho tanto da imparare. Vorrei poter avere delle esperienze musicali con chiunque possa aiutarmi a migliorare.

Perchè le persone dovrebbero ascoltarti?
Perché vorrei poter riuscire, come credo sia successo a Rimini con la giuria di Sanremo NewTalent, a trasmettere emozioni, sensazioni, ad “arrivare” al cuore delle persone.